DetailPage-MSS-KB

Microsoft Knowledge Base

Identificativo articolo: 111855 - Ultima modifica: mercoledì 1 novembre 2006 - Revisione: 3.1

 

Sommario

Il numero massimo di socket supportati da un determinato fornitore di Windows Sockets è specifica dell'implementazione. Un'applicazione non deve effettuare alcuna ipotesi la disponibilità di un determinato numero di socket.

Informazioni

Dettagli di implementazione di Windows Sockets sono descritti nella struttura WSAData restituito da WSAStartup() e definiti come segue:
struct WSAData {
     WORD          wVersion;
     WORD          wHighVersion;
     char           szDescription[WSADESCRIPTION_LEN+1];
     char          szSystemStatus[WSASYSSTATUS_LEN+1];
     unsigned short     iMaxSockets;
     unsigned short     iMaxUdpDg;
     char FAR *     lpVendorInfo
};
				
su restituito da WSAStart() in Windows NT
   iMaxSockets = 0x7fff (32767)
				
dove iMaxSockets è il numero massimo di socket che un singolo processo potenzialmente possibile aprire. Implementazione di Windows Sockets può fornire un pool globale di socket per l'allocazione a qualsiasi processo oppure è possibile allocare le risorse per processo per i socket. Il numero può riflettere il modo in cui la DLL di socket di Windows o il software di rete è stato configurato. Il numero è possibile utilizzare durante la scrittura di un'applicazione come un'indicazione dei indica se l'implementazione di Windows Sockets può essere utilizzata dall'applicazione.

Ad esempio, un server X Windows potrebbe controllare iMaxSockets all'avvio. Se il numero di socket è minore di 8, viene visualizzato un messaggio di errore che indicano l'utente per riconfigurare il software di rete. (Questa è una situazione in cui è possibile utilizzare il testo szSystemStatus). Non è garantito che una determinata applicazione può allocare effettivamente iMaxSockets socket, poiché possono esistere altre applicazioni di Windows Sockets in uso.

Tuttavia, indipendentemente dal numero di socket supportati da una determinata implementazione è il problema del numero massimo di socket che un'applicazione è effettivamente possibile utilizzare.

Il numero massimo di socket che un'applicazione Windows Sockets può utilizzare viene determinato in fase di compilazione per il manifesto FD_SETSIZE costante. A tale scopo, dal file di Win32 SDK WINSOCK.H:
/*
 * Select uses arrays of SOCKETs. These macros manipulate such
 * arrays. FD_SETSIZE may be defined by the user before including
 * this file, but the default here should be >= 64.
 *
 * CAVEAT IMPLEMENTOR and USER: THESE MACROS AND TYPES MUST BE
 * INCLUDED IN WINSOCK.H EXACTLY AS SHOWN HERE.
 */ 
#ifndef FD_SETSIZE
#define FD_SETSIZE      64
#endif /* FD_SETSIZE */ 
				
questo valore viene utilizzato nella creazione di strutture fd_set utilizzate in select(). Il valore predefinito WINSOCK.H è 64. Se un'applicazione è progettata per essere in grado di utilizzo di più di 64 socket, è possibile definire il manifesto FD_SETSIZE in ogni file di origine prima di includere WINSOCK.H. Un modo questo questo consiste nell'includere la definizione di opzioni del compilatore nel makefile, ad esempio aggiungendo - DFD_SETSIZE = 128 come un'opzione per la riga di comando del compilatore per c di Microsoft.

Nota: Definizione FD_SETSIZE come un valore specifico non ha effetto sul numero di socket forniti da un'implementazione di Windows Sockets effettivo.

Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows NT Advanced Server 3.1
  • Microsoft Windows NT Workstation 3.1
Chiavi: 
kbmt kbnetwork KB111855 KbMtit
Traduzione automatica articoliTraduzione automatica articoli
Il presente articolo è stato tradotto tramite il software di traduzione automatica di Microsoft e non da una persona. Microsoft offre sia articoli tradotti da persone fisiche sia articoli tradotti automaticamente da un software, in modo da rendere disponibili tutti gli articoli presenti nella nostra Knowledge Base nella lingua madre dell’utente. Tuttavia, un articolo tradotto in modo automatico non è sempre perfetto. Potrebbe contenere errori di sintassi, di grammatica o di utilizzo dei vocaboli, più o meno allo stesso modo di come una persona straniera potrebbe commettere degli errori parlando una lingua che non è la sua. Microsoft non è responsabile di alcuna imprecisione, errore o danno cagionato da qualsiasi traduzione non corretta dei contenuti o dell’utilizzo degli stessi fatto dai propri clienti. Microsoft, inoltre, aggiorna frequentemente il software di traduzione automatica.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell’articolo: 111855  (http://support.microsoft.com/kb/111855/en-us/ )
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.
Condividi
Altre opzioni per il supporto
Forum del supporto di Microsoft Community
Contattaci direttamente
Ricerca di un partner certificato Microsoft
Microsoft Store