DetailPage-MSS-KB

Microsoft Knowledge Base

Identificativo articolo: 159865 - Ultima modifica: martedì 2 settembre 2003 - Revisione: 3.0

IMPORTANTE: in questo articolo sono contenute informazioni su come modificare il Registro di sistema (Registro di configurazione in Windows NT). Prima di modificare il Registro di sistema, eseguire una copia di backup e assicurarsi di sapere come ripristinarlo in caso di problemi. Per ulteriori informazioni su come eseguire il backup, ripristinare e modificare il Registro di sistema, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
256986  (http://support.microsoft.com/kb/256986/IT/ ) Description of the Microsoft Windows Registry

Sommario

È possibile che nel registro degli eventi di Microsoft Windows vengano registrati diversi messaggi di evento relativi a problemi delle periferiche disco rigido. In tali messaggi viene utilizzata la seguente sintassi:
La periferica, \Device\Harddisk#\Partition #
Di seguito sono riportati alcuni esempi di messaggi di evento comuni registrati nel registro degli eventi:
  • Rilevato blocco danneggiato sulla periferica \Device\Harddisk0\Partition 1.
  • La periferica, \Device\HardDisk1\Partition0, è stata reimpostata.
  • Dati Delayed-Write persi.
  • Tentativo di trasferire dati dai buffer a \\device\harddisk4\partition2\mydir\myfile.txt.
    L'operazione di scrittura è fallita.
  • Errore durante il tentativo di recuperare dati dall'insieme di fault tolerance contenente \device\harddisk2\FT1.
In ciascuno degli esempi riportati sopra è necessario convertire il numero di disco fisico in un'unità fisica del sistema. È possibile determinare il numero del disco fisico guardando nel Registro di sistema, ma è necessario sapere se nel sistema si utilizzano unità IDE, SCSI o una combinazione delle due. In Disk Administrator le unità vengono visualizzate nell'ordine in cui sono enumerate su ciascun controller e nell'ordine in cui vengono caricati i driver delle periferiche. Se si utilizzano più controller, l'ordine in cui questi sono identificati si basa sulla porta di I/O e sulle assegnazioni degli indirizzi del BIOS del controller.

AVVISO: l'errato utilizzo dell'editor del Registro di sistema può causare gravi problemi che potrebbero richiedere la reinstallazione del sistema operativo. Microsoft non è in grado di garantire la risoluzione di problemi causati dall'errato utilizzo dell'editor del Registro di sistema. L'utilizzo dell'editor del Registro di sistema è a rischio e pericolo dell'utente.

NOTA: Disk Management è stato migliorato in Windows 2000 e versioni successive. Tale utilità può essere utilizzata per visualizzare queste informazioni senza ricorrere all'editor del Registro di sistema. Per visualizzare in che posizione del sistema si trovi un particolare disco rigido, attenersi alla procedura seguente:
  1. Avviare la console di Disk Management (diskmgmt.msc).
  2. Aprire la vista grafica dei dischi. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla porzione grigia del disco di base o dinamico il cui numero di disco corrisponde a quello riportato nel messaggio di errore.
  3. Scegliere Proprietà. Verranno visualizzate le informazioni relative al tipo di periferica, ovvero se il disco è IDE o SCSI, il nome del fornitore hardware della periferica fisica e il nome della scheda a cui è collegata.
In Windows NT, utilizzare l'editor del Registro di configurazione per estrarre le informazioni richieste, come illustrato di seguito:
  1. Eseguire l'editor del Registro di configurazione (Regedt32.exe).
  2. Individuare e fare clic sulla seguente chiave di registro (per periferiche basate su IDE):
    HKEY_LOCAL_MACHINE\Hardware\Devicemap\Atdisk
          Controller0  guardare l'indirizzo del controller e l'interrupt.
             disk0  guardare la stringa di identificazione per 
                    individuare produttore e numero del modello
             disk1  guardare la stringa di identificazione per 
                    individuare produttore e numero del modello
          Controller1  guardare l'indirizzo del controller e l'interrupt.
             disk0  guardare la stringa di identificazione per 
                   individuare produttore e numero del modello
             disk1  guardare la stringa di identificazione per 
                    individuare produttore e numero del modello
    
  3. Individuare e fare clic sulla seguente chiave di registro (per periferiche compatibili Atapi o basate su SCSI):
    HKEY_LOCAL_MACHINE\Hardware\Devicemap\SCSI
          Scsiport0  guardare il driver, l'interrupt e l'indirizzo di I/O
             Scisbus0
                Targetid0
                Logical Unit Id 0   guardare identificatore e tipo
                Targetid1
                Logical Unit Id 0   guardare identificatore e tipo
                Targetid4
                Logical Unit Id 0   guardare identificatore e tipo
             Scsibus1
                Targetid0
                Logical Unit Id 0   guardare identificatore e tipo
                Targetid1
                Logical Unit Id 0   guardare identificatore e tipo
                Targetid2
                Logical Unit Id 0
          Scsiport1  guardare il driver, l'interrupt e l'indirizzo di I/O
             Scsibus0
                Targetid0
                Logical Unit Id 0   guardare identificatore e tipo
    
NOTA: quando l'ID SCSI è superiore a 9, nel Registro di sistema le unità vengono elencate in ordine alfabetico, mentre il computer assegna ID fisici alle unità in ordine numerico.

Utilizzando le informazioni raccolte dal Registro di sistema è possibile determinare quale unità fisica corrisponde a un particolare numero di disco in Disk Administrator.
  1. Utilizzando i valori dell'identificatore e del tipo, determinare quali voci si riferiscono ai dischi e quali ad altre periferiche, quali unità CD-ROM, unità a nastro, scanner e così via.
  2. Trovare ogni voce Type:REG_SZ:DiskPeripheral in Targetid#\Logicalunitid0. Ogni voce trovata corrisponde a un'unità in Disk Administrator e anche a un numero \device\harddisk.
  3. Per trovare \device\harddisk5 trovare la sesta DiskPeripheral (da zero a cinque).
  4. Prendere nota di SCSIPORT, SCSIBUS e TARGETID# e utilizzare tali informazioni per sostituire la periferica difettosa.
    SCSIPORT è un controller SCSI.
    SCSIBUS è un canale sul controller SCSI. Alcuni controller hanno due canali e dispongono pertanto di SCSIBUS0 e SCSIBUS1.
    TARGETID è l'ID SCSI della periferica configurata da utilizzare, solitamente da 0 a 6, con ID iniziatore 7 che rappresenta il controller stesso.
  5. Se si hanno dei dubbi su quale sia il controller SCSI rappresentato da SCSIPORT, osservare il driver, l'indirizzo I/O e l'interrupt della voce SCSIPORT e associarli alla configurazione hardware impostata sul controller.
  6. Per le periferiche IDE, le unità sono in ordine di configurazione master/slave su ciascun controller.

Le informazioni in questo articolo si applicano a
  • Microsoft Windows 2000 Server
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows 2000 Professional Edition
  • Microsoft Windows 2000 Datacenter Server
  • Microsoft Windows NT Advanced Server 3.1
  • Microsoft Windows NT Server 3.5
  • Microsoft Windows NT Server 3.51
  • Microsoft Windows NT Server 4.0 Standard Edition
  • Microsoft Windows NT Workstation 3.1
  • Microsoft Windows NT Workstation 3.5
  • Microsoft Windows NT Workstation 3.51
  • Microsoft Windows NT Workstation 4.0 Developer Edition
Chiavi: 
KB159865
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.
Condividi
Altre opzioni per il supporto
Forum del supporto di Microsoft Community
Contattaci direttamente
Ricerca di un partner certificato Microsoft
Microsoft Store