DetailPage-MSS-KB

Microsoft Knowledge Base

Identificativo articolo: 216573 - Ultima modifica: mercoledì 28 gennaio 2004 - Revisione: 3.0

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato con il codice di riferimento I216573

In questa pagina

Sommario

In questo articolo viene descritto il processo utilizzato in Windows 2000 per abilitare e installare la funzionalità ACPI (Advanced Configuration and Power Interface).

Informazioni

Il file Txtsetup.sif

Il file Txtsetup.sif contiene le informazioni utilizzate per la rilevazione e l'installazione delle periferiche durante l'installazione in modalità testo. Se questo file non contiene alcuna voce per una periferica, questa non verrà installata durante la parte in modalità testo dell'installazione di Windows.

Nel file Txtsetup.sif sono disponibili due sezioni per la rilevazione e l'installazione ACPI:
  • [ACPIOptions]
  • [GoodACPIBios]

Configurazione ACPI nel BIOS

Un sistema ACPI è composto da una serie di dieci tabelle che definiscono le periferiche presenti nel sistema e le funzionalità corrispondenti in relazione alla configurazione e al risparmio energia. Queste tabelle vengono create all'avvio dal BIOS di sistema. All'avvio del sistema vengono ricercate voci specifiche presenti in due di tali tabelle, ovvero la FACP (Fixed ACPI Description) e la RSDT (Root System Description) per stabilire se il sistema è compatibile con ACPI. Queste informazioni vengono estratte dalle tabelle sotto forma di OEM ID, OEM TABLE ID, OEM REVISION e CREATOR REVISION. Se queste tabelle non sono presenti oppure se le informazioni contenute nei descrittori non sono valide, il sistema viene considerato non compatibile con ACPI e viene installato l'HAL (Hardware Abstraction Layer) preesistente.

Di seguito è riportato un esempio di tabella FACP:
OEM ID = "COMPAQ"
OEM Table ID = "FACPTBL"
OEM Revision = "432"
Creator Revision = "1"
Di seguito è riportato un esempio di tabella RSDT per questa voce:
OEM Table ID = "CPQB01B"

Oltre a queste informazioni, viene letta anche la data del BIOS.

Valutazione della configurazione ACPI

Le informazioni presenti in queste tabelle vengono confrontate con le voci del file Txtsetup.sif. È sulla base di tali informazioni che si procede alla valutazione della configurazione e delle operazioni da eseguire:

Se il BIOS di sistema è compreso nell'elenco BIOS errato, l'HAL ACPI non verrà installato. Se il BIOS non è compreso nell'elenco BIOS errato e la data del BIOS è posteriore all'1/1/99, si presuppone che il BIOS sia valido, pertanto si procede all'applicazione dell'HAL ACPI. Se la data è anteriore all'1/1/99, le informazioni della tabella vengono verificate sulla base dell'elenco BIOS corretto. Se il BIOS è presente, l'HAL ACPI verrà installato.

L'elenco BIOS errato contiene i BIOS che potrebbero provocare l'instabilità del sistema in caso di utilizzo dell'HAL ACPI. L'instabilità può comportare problemi diversi, dal funzionamento non corretto, fino al blocco del sistema e alla perdita dei dati. Per questo motivo, è sempre consigliabile non ignorare i presupposti scaturiti da questo elenco. Ciò è valido anche per i sistemi non rilevati come compatibili con ACPI. Se le informazioni di intestazione della tabella risultano imprecise, se ne deve dedurre che anche le informazioni relative alla configurazione delle periferiche contenute in tali tabelle sono ugualmente opinabili. In caso di instabilità riscontrate in seguito al mancato utilizzo delle impostazioni ACPI predefinite, Microsoft non garantirà alcuna assistenza per la reinstallazione del sistema operativo. Non è possibile inoltre riparare i danni derivanti da un BIOS ACPI errato o incompleto con l'installazione di un aggiornamento. Qualora fosse necessario ignorare le impostazioni predefinite, effettuare l'operazione tenendo presenti le informazioni riportate di seguito:

Nella sezione [ACPIOptions] sono presenti le voci ACPIEnable e ACPIBiosDate. La voce ACPIBiosDate fornisce la data dopo la quale un BIOS viene considerato valido. L'impostazione predefinita per questa voce è 1/1/1999. In ogni caso questa voce è di scarsa utilità se si intende forzare un'installazione ACPI. I tre possibili valori della voce ACPIEnable influiscono invece sulle operazioni di rilevazione e installazione di ACPI:
  • 0: ACPI è disabilitato durante l'installazione indipendentemente dal BIOS di sistema
  • 1: ACPI è abilitato durante l'installazione se è presente un BIOS ACPI
  • 2: ACPI è abilitato sulla base dell'elenco GoodACPIBios e del valore di ACPIBiosDate
L'impostazione predefinita è 2.

Per ignorare il valore predefinito e forzare un'installazione ACPI, modificare il file Txtsetup.sif reperibile sul disco di installazione 1 e cambiare il valore di ACPIEnable in 1. Salvare il file, quindi riavviare l'installazione.

NOTA: la funzionalità ACPI è relativamente nuova, pertanto continua è l'aggiunta di nuove funzioni da parte dei produttori di BIOS e sistemi. Se risultano mancanti funzionalità che si ritiene debbano esistere oppure in caso di funzionamento anomalo con un BIOS la cui data è posteriore all'1/1/1999 o riportato nell'elenco di quelli corretti, rivolgersi al produttore del sistema per verificare di disporre dell'ultima revisione del BIOS.

ACPI richiede l'installazione di nuovi componenti hardware, quale un bus SMBus o I2c compatibile. Se tali componenti non sono installati la funzionalità ACPI può non essere disponibile. In caso di dubbi sulla disponibilità di un aggiornamento per la funzionalità ACPI, rivolgersi al produttore del sistema o della scheda madre.

Le informazioni in questo articolo si applicano a
  • Microsoft Windows 2000 Advanced Server
  • Microsoft Windows 2000 Datacenter Server
  • Microsoft Windows 2000 Professional Edition
  • Microsoft Windows 2000 Server
Chiavi: 
kbinfo kbenv kbhw KB216573
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.
Condividi
Altre opzioni per il supporto
Forum del supporto di Microsoft Community
Contattaci direttamente
Ricerca di un partner certificato Microsoft
Microsoft Store