DetailPage-MSS-KB

Microsoft Knowledge Base

Identificativo articolo: 2678030 - Ultima modifica: martedì 17 giugno 2014 - Revisione: 4.2

 

In questa pagina

Sommario

Lo strumento di controllo di calendario di Outlook (CalCheck) è un programma della riga di comando che controlla il calendario di Microsoft Outlook per i problemi. Lo strumento consente di aprire un profilo di messaggistica di Outlook per accedere al calendario di Outlook. Vengono eseguiti diversi controlli in impostazioni generali, le autorizzazioni di pubblicazione disponibilità, configurazione delegato e la prenotazione automatica. Quindi, ogni elemento nella cartella di calendario di Outlook viene verificata per problemi noti che possono causare un comportamento imprevisto, ad esempio riunioni sembrano mancanti.

Lo strumento CalCheck genera un report che può essere utilizzato per diagnosticare gli elementi del problema o identificare le tendenze.

Informazioni

Per utilizzare CalCheck, il calendario di Outlook deve risiedere su un computer che esegue Microsoft Exchange Server. Lo strumento non funziona con altri account di posta elettronica non Exchange, POP3 o IMAP.

Installazione

Per scaricare e installare lo strumento di controllo di calendario di Outlook, fare clic sul collegamento seguente per visualizzare la pagina Microsoft Download Center. Il sito Web sono inoltre elencati i requisiti di sistema e i passaggi da seguire per disinstallare lo strumento.

http://www.microsoft.com/download/en/Details.aspx?ID=28786 (http://www.microsoft.com/download/en/details.aspx?id=28786)

Nota. La versione a 64 bit di questo strumento è utilizzabile solo con la versione a 64 bit di Microsoft Outlook 2010.

Controlli eseguiti

Lo strumento di controllo di calendario esegue due tipi di base dei controlli, verifiche specifiche del calendario e controlli a livello di elemento.

Verifiche specifiche del calendario

I seguenti controlli di calendario specifico vengono eseguiti e quindi registrati nel report:
  • Autorizzazioni per il calendario.
  • Numero totale di elementi nella cartella Calendario.

    Per ulteriori informazioni sui conteggi alta nella cartella Calendario, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
    2768656  (http://support.microsoft.com/kb/2768656/ ) Con molti elementi in una cache modalità OST file pst o cartelle, possono verificarsi problemi di prestazioni di Outlook
  • Delegati nel calendario.
  • Pubblicazione informazioni disponibilità.
  • Impostazioni di prenotazione dirette per la cassetta postale o calendario.
Nota. Le informazioni per questi tre controlli vengono lette dal messaggio di disponibilità locale. In rari casi, Outlook potrebbe essere Impossibile aprire il messaggio. Quindi, questi controlli hanno esito negativo. Solo se in questo caso, è necessario forzare la rigenerazione delle informazioni disponibilità nascoste nella cassetta postale di Exchange.

Per ulteriori informazioni su come rigenerare le informazioni di disponibilità nascoste, fare clic sul numero dell'articolo riportato di seguito per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
958443  (http://support.microsoft.com/kb/958443/ ) Si verificano problemi in Outlook quando si tenta di configurare le informazioni di disponibilità o quando si tenta di delegare le informazioni

Controlli a livello di elemento

I seguenti controlli a livello di elemento vengono eseguiti e quindi registrati nel rapporto:
  • Nessun indirizzo di posta elettronica organizzatore (PR_SENDER_EMAIL_ADDRESS o PR_SENT_REPRESENTING_EMAIL_ADDRESS)
  • Nessun nome visualizzato di Organizer (PR_SENDER_NAME o PR_SENT_REPRESENTING_NAME)

    Per ulteriori informazioni su mancante organizzatore indirizzi di posta elettronica o nomi visualizzati, fare clic sul numero dell'articolo riportato di seguito per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
    2849083  (http://support.microsoft.com/kb/2849083/ ) "Impossibile completare l'operazione. Uno o più valori di parametro non validi "messaggio di errore quando un organizzatore aggiorna una riunione ricorrente
  • Nessuna proprietà dispidRecurring (in questo modo un elemento non per la visualizzazione giorno, settimana o mese).

    Per ulteriori informazioni su appuntamenti non visualizzati in giorno, settimana o mese visualizzare, fare clic sul numero dell'articolo riportato di seguito per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
    827432  (http://support.microsoft.com/kb/827432/ ) Quando si crea un appuntamento utilizzando WebDAV di Exchange 2000, un appuntamento del calendario di Outlook non è visibile nella visualizzazione giorno, settimana o mese
  • Esistenza di tempo delle proprietà dispidApptStartWhole e dispidApptEndWhole

    Se si è l'organizzatore, è possibile provare a risolvere il problema modificando la visualizzazione della cartella Calendario per la visualizzazione di una tabella, ricerca dell'elemento e quindi annullarla. Quindi, è quindi necessario creare una nuova riunione. Il partecipante deve contattare l'organizzatore della riunione e chiedergli di annullare e quindi ricreare la riunione.

  • Nessun oggetto per le riunioni che si verificano in futuro o per le riunioni ricorrenti (viene registrato un messaggio di avviso).

    Se l'organizzatore aggiorna la riunione per includere un oggetto. Se si è un partecipante, chiedere all'organizzatore di aggiornare la riunione per includere un oggetto. Anche se non si tratta di una condizione di errore, rende più semplice risolvere eventuali problemi futuri relativi alla riunione.

  • Controllo di classe messaggio (viene registrato un messaggio di avviso).

    Se si dispone di un problema con una riunione che non è la classe di messaggio predefinitaèPM.Appuntamento, e se la rimozione o l'annullamento della riunione consente di risolvere il problema, è necessario determinare quale programma è creare riunioni mediante l'utilizzo di tale classe di messaggio personalizzato. È necessario determinare se il programma o il componente aggiuntivo è un'applicazione di terze parti o di Microsoft. Se si tratta di un'applicazione di terze parti, contattare altri produttori per il supporto.

  • Nessuna classe di messaggio (viene registrato un errore).

    Se si dispone di un problema con una riunione che non è la classe di messaggio predefinitaèPM.Appuntamento, e se la rimozione o l'annullamento della riunione consente di risolvere il problema, è necessario determinare quale programma è creare riunioni mediante l'utilizzo di tale classe di messaggio personalizzato. È necessario determinare se il programma o il componente aggiuntivo è un'applicazione di terze parti o di Microsoft. Se si tratta di un'applicazione di terze parti, contattare altri produttori per il supporto.

  • Multiplechecks con la proprietà dispidApptRecur(ricorrenza BLOB binary large object []):
    • Tempo complessive ore di inizio e fine.
    • Possibilità di analizzare i dati nella proprietà.
    • Esistenza della proprietà, ma vuoto.

    Se si è l'organizzatore, si deve modificare la visualizzazione della cartella Calendario in una visualizzazione per tabella, trovare l'appuntamento o riunione, annullare e ricrearlo. Se non si è visualizzata nell'elenco, eseguitacalcheck -f. Se si è un partecipante, è necessario contattare l'organizzatore e chiedere lei o lui per annullare e quindi ricreare la riunione.

  • proprietà dispidRecurring è impostata su False o non esiste, ma la proprietà dispidRecurTypenon è impostata su Nessuno, che indica che l'appuntamento è ricorrente. Pertanto, le due proprietà sono in conflitto.

    Se si è l'organizzatore, si deve modificare la visualizzazione della cartella Calendario in una visualizzazione per tabella, trovare l'appuntamento o riunione, annullare e ricrearlo. Se non si è visualizzata nell'elenco, eseguitacalcheck-f. Se si è un partecipante, è necessario contattare l'organizzatore e chiedere lei o lui per annullare e quindi ricreare la riunione.

  • Verificare gli elementi in conflitto nel calendario.

    Questo script controlla il flag PR_MESSAGE_STATUS per alcuna indicazione del conflitto. Questi elementi vengono spostati durante l'esecuzione dicalcheck – f. In alcuni casi, un'operazione di spostamento delle cassette postali può avere esito negativo quando viene visualizzato il seguente errore di registro CA:
    MapiExceptionPartialCompletion: codice di errore = "0x80070680" Impossibile copiare il messaggio.
  • Verificare gli elementi duplicati, in base a determinate proprietà MAPI.

    Se l'oggetto, organizzatore, luogo, istanza ricorrente/singola e inizio/fine volte proprietà tutti corrispondono per due o più elementi,calcontrollo – f Sposta tutti i duplicati tranne uno.

  • Controllo per le riunioni che hanno lo stesso o un ID oggetto globale vuota

    Per ulteriori informazioni sulle riunioni con gli stessi ID oggetto globale, fare clic sul seguente numero di articolo per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
    2714118  (http://support.microsoft.com/kb/2714118/ ) Vengono copiati gli elementi di calendario mancanti in Exchange Server 2007
  • Verificare gli elementi che dispongono ora di inizio, ora di fine o ricorrenza proprietà impostata su 0 (anno 1601) o che risultano mancanti.

    Se si è l'organizzatore, si deve modificare la visualizzazione della cartella Calendario in una visualizzazione per tabella, trovare l'appuntamento o riunione, annullare e ricrearlo. Se non si è visualizzata nell'elenco, eseguitacalcheck -f. Il partecipante deve contattare l'organizzatore e chiedergli di annullare e quindi ricreare la riunione.

  • Verificare gli elementi che dispongono ora di inizio, ora di fine o versioni precedenti di 1995 o maggiore di 2025 anno ricorrenza.

    Questo non è necessariamente una condizione di errore. È consigliabile eliminare o annullare l'articolo solo se essa potrebbe essere danneggiato. Per impostazione predefinita, questi elementi non vengono spostati quando si utilizza l'argomento– f . Questi vengono spostati con f calcheck solo se si configura calcheck per considerare gli avvisi come errori per il file cfg (WarningIsError = true).

  • Verificare gli elementi che dispongono di proprietà ora di inizio, ora di fine o ricorrenza maggiore del limite di Outlook.

    Se si è l'organizzatore, si shoiuld modificare la visualizzazione della cartella Calendario in una visualizzazione per tabella, trovare l'appuntamento o riunione, annullare e ricrearlo. Se non si è visualizzata nell'elenco, eseguirecalcheck -f. Se si è un partecipante, è necessario contattare l'organizzatore e chiedere lei o lui per annullare e quindi ricreare la riunione.

  • Verificare gli elementi superiori a 10, 25 e 50 megabyte (MB). (Viene registrato un messaggio di avviso).

    Non si tratta di una condizione di errore. Tuttavia, vedereLe procedure consigliate quando si utilizza il calendario di Outlook (http://office.microsoft.com/en-us/outlook-help/best-practices-when-using-the-outlook-calendar-HA104004449.aspx) .

  • Verificare gli elementi che contengono allegati più di 25.

    Non si tratta di una condizione di errore. Tuttavia, vedereLe procedure consigliate quando si utilizza il calendario di Outlook (http://office.microsoft.com/en-us/outlook-help/best-practices-when-using-the-outlook-calendar-HA104004449.aspx) .

  • Verificare se esistono più 1.250 riunioni ricorrenti (viene registrato un messaggio di avviso) o le riunioni ricorrenti oltre 1.300 (viene segnalato un errore). Il limite è 1.300 riunioni ricorrenti.

    Se si utilizza EXCDO nelle versioni precedenti di Exchange Server, possono verificarsi problemi. Per ulteriori informazioni, fare clic sui numeri degli articolo riportato di seguito per visualizzare gli articoli della Microsoft Knowledge Base:
    892524   (http://support.microsoft.com/kb/892524 / ) È possibile salvare o eliminare un appuntamento ricorrente da un calendario gestito in un computer Exchange Server 2003
    943371  (http://support.microsoft.com/kb/943371/ ) ID evento 8206, 8213 e 8199 vengono registrati in un ambiente Exchange Server 2007
  • Verificare se si è un partecipante e si è l'organizzatore di una riunione.

    Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo riportato di seguito per visualizzare l'articolo della Microsoft Knowledge Base:
    2563324  (http://support.microsoft.com/kb/2563324/ ) Problemi con Microsoft Exchange ActiveSync e dispositivi di terze parti
  • Controlla dati di eccezione del BLOB di ricorrenza per assicurarsi che le eccezioni si verificano entro le ore di inizio e fine della serie.

    Se si è l'organizzatore, modificare la visualizzazione della cartella Calendario in una visualizzazione per tabella, trovare l'appuntamento o riunione e quindi Annulla e ricrearlo. Se non viene visualizzato nell'elenco, eseguitacalcheck -f. Se si è un partecipante, è necessario contattare l'organizzatore e chiedere lei o lui per annullare e quindi ricreare la riunione.

  • Controllo dati a eccezione del BLOB di ricorrenza per assicurarsi che sia la dimensione corretta della riunione.

    Se si è l'organizzatore, modificare la visualizzazione della cartella Calendario in una visualizzazione per tabella, trovare l'appuntamento o riunione e quindi Annulla e ricrearlo. Se non viene visualizzato nell'elenco, eseguitacalcheck -f. Il partecipante deve contattare l'organizzatore e chiedergli di annullare e quindi ricreare la riunione.

  • La tabella dei destinatari è mancanti, danneggiati o duplicati i dati del destinatario. Sono inclusi, ad esempio, gli indirizzi di posta elettronica, nomi o tipi di indirizzo.

    Se si è l'organizzatore, modificare la visualizzazione della cartella Calendario in una visualizzazione per tabella, trovare l'appuntamento o riunione e quindi Annulla e ricrearlo. Se non viene visualizzato nell'elenco, eseguitacalcheck -f. Il partecipante deve contattare l'organizzatore e chiedergli di annullare e quindi ricreare la riunione.

  • Report su elementi festività

    Se si preferisce non avere vacanze elementi contrassegnati, modificare il file. cfg. Se la proprietà denominataparole chiave include la stringa "festività", CalCheck identifica un evento giornata intera come un giorno festivo.

Guida in linea corrente e le opzioni della riga di comando

Nella sezione seguente vengono descritte le opzioni della riga di comando disponibili personalizzare il comportamento di CalCheck.

CalCheck [-P<profilename></profilename>] [-L <filename></filename>] [-M <mailboxname></mailboxname>] [-N <display_name></display_name>] [-S<servername></servername>] [-O <path></path>]
[-C <version></version>] [-A] [-F]. [-R]. [-V]. [-No]


CalCheck-?

-P Nome del profilo (se assenti, chiederà di profilo)
-L Percorso e il nome dell'elenco di file (file di elenco il nome e l'attributo LegacyExchangeDN) di cassette postali per controllare
-M DN della cassetta postale viene utilizzato con -N (processo la cassetta postale specificato)
-N Nome visualizzato viene utilizzato con - M (processo la cassetta postale specificato)
-O Percorso di output (se specificato, scrivere i file di output in questo percorso. Il valore predefinito è la cartella corrente).
-C Versione per Office 2013 Click-to-Run scenario
-A Tutti gli output di elementi di calendario per CALCHECK.CSV
-F Creare la cartella CalCheck e spostare gli elementi contrassegnati errore
-R Inserire un messaggio di report in posta in arrivo con il file CalCheck.log
-V Output dettagliato per la finestra del prompt dei comandi
-? Stampa il messaggio

Nota. Le opzioni -L, -Ne -C sono nuove per CalCheck versione 2 (v2). Il parametro -S nella versione 1 di CalCheck viene sostituito con -L. Inoltre, la v1 CalCheck -No switch è sostituito dal file CalCheck.cfg. Il file CalCheck.cfg è descritta dettagliatamente più avanti in questo articolo.

Nota. Viene sempre generato il file CalCheck.log. Il file CalCheck.log Mostra tutti gli elementi che devono essere corretti o rimossi e sono inoltre disponibili informazioni di elaborazione.

Esempi


Predefinito: Richiedi un profilo ed elaborare la cassetta postale nel profilo:
CalCheck

Elaborare tutte le cassette postali su MyServer:
CalCheck -S MyServer

Elaborare tutte le cassette postali su MyServer utilizzando MyProfile come il profilo di accesso:
CalCheck -P MyProfile -S MyServer

Elaborare la cassetta postale in MyProfile:
CalCheck -P MyProfile

Elaborare la cassetta postale specificata e utilizzare MyProfile come il profilo di accesso:
CalCheck -P MyProfile -M "/o = org/ou = possono/cn = Recipients/cn = UtenteA" -N "Utente"

Elaborare l'elenco delle cassette postali in "C:\Directory\List.txt":

CalCheck -L "C:\Directory\List.txt"

Nota. "Txt" deve essere nel formato di Get-Mailbox | output fl che include l'attributo LegacyExchangeDN e il nome visualizzato per ciascuna cassetta postale:

Nome: Nome visualizzato
LegacyExchangeDN: /o = ORG/ou = AdminGroup/cn = Recipients/cn = cassetta postale


Elaborare una cassetta postale, spostare gli elementi di errore nella cartella CalCheck nella cassetta postale e inserire un messaggio di report in posta in arrivo:
CalCheck -F -R

Elaborare una cassetta postale in base a un profilo specifico e la versione di Outlook. Questa operazione è necessaria quando si esegue un'installazione side-by-side di Office in uno scenario a portata di clic:
CalCheck - C####> -P MyProfile
Nota Il segnaposto####> rappresenta la versione di Outlook (ad esempio, 2007, 2010o 2013).

Stampa il messaggio:
CalCheck-?


Eseguire CalCheck in modalità multi-cassetta postale (elenco)

Per elaborare un elenco delle cassette postali, attenersi alla seguente procedura:

  1. Consentire all'utente i diritti di accesso completo a tutte le cassette postali su un server di Exchange o l'organizzazione di Exchange.
    1. Il cmdlet PowerShell di esempio riportato di seguito consente di concedere diritti AdminB l'accesso completo a tutte le cassette postali in OrgUnit2:

      "OrgUnit2" Get-Mailbox - OrganizationalUnit | Aggiungere-MailboxPermission-FullAccess - AccessRights di utente "AdminB"
  2. Creare l'elenco delle cassette postali. Ciò include il nome visualizzato e l'attributo LegacyExchangeDN. A tale scopo, attenersi alla seguente procedura:
    1. Aprire PowerShell di Exchange e quindi eseguire un comando analogo al seguente:

      Get-Mailbox-Server "NomeServer" | Nome fl, LegacyExchangeDN | Out-Filepath_file_name>-larghezza 200

      Nota. Il segnaposto NomeServer rappresenta il nome del server e il segnaposto path_file_name rappresenta il percorso e il nome del file. txt da creare.
    2. Copiare il file. txt alla workstation in cui si eseguiranno CalCheck.
  3. Eseguire CalCheck in modalità multi-cassetta postale (elenco). A tale scopo, attenersi alla seguente procedura
    1. Una workstation su cui è installato Outlook, accedere come utente con diritti di accesso completo alle cassette postali.
    2. Creare un nuovo profilo di Outlook e quindi configurare l'account di Exchange Server per utilizzare la modalità in linea.
    3. Eseguire cmde quindi passare alla directory dove si trova CalCheck.
    4. Eseguire il comando riportato di seguito:

      CalCheck -Lpercorso e nome file>

      Nota. Il segnaposto <path and="" file="" name=""></path> rappresenta il percorso del file. txt creato nel passaggio 2.
Quando si esegue CalCheck in modalità multi-cassetta postale (elenco), vengono creati i seguenti file:
  • CalCheckMaster.log. si tratta di un riepilogo di tutte le cassette postali che sono stati elaborati.
  • CalCheck__<mailbox></mailbox>. log. Viene creato un file per ciascuna cassetta postale che è stato elaborato.

    Nota. Il segnaposto <mailbox></mailbox> rappresenta la parte del nome del destinatario di LegacyExchangeDN.

File di configurazione in CalCheck versione 2

CalCheck versione 2 (v2) è ora incluso un file CalCheck.cfg. Questo file si trova nella stessa directory in cui si trova CalCheck.exe. Se manca il file. cfg, CalCheck v2 viene visualizzato un errore e non viene eseguito. Il file. cfg è in formato testo normale. È possibile modificare manualmente il file per attivare o disattivare singoli test. Per impostazione predefinita, tutti i test sono impostati su true. Per impostazione predefinita, pertanto, tutti i test vengono eseguiti.

Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Outlook 2010
  • Microsoft Office Outlook 2007
  • Microsoft Office Outlook 2003
  • Microsoft Exchange Server 2010 Enterprise
  • Microsoft Exchange Server 2010 Standard
  • Microsoft Exchange Server 2007 Enterprise Edition
  • Microsoft Exchange Server 2007 Standard Edition
  • Microsoft Exchange Server 2003 Enterprise Edition
  • Microsoft Exchange Server 2003 Standard Edition
Chiavi: 
kbmt KB2678030 KbMtit
Traduzione automatica articoliTraduzione automatica articoli
IMPORTANTE: il presente articolo è stato tradotto tramite un software di traduzione automatica di Microsoft ed eventualmente revisionato dalla community Microsoft tramite la tecnologia CTF (Community Translation Framework) o da un traduttore professionista. Microsoft offre articoli tradotti manualmente e altri tradotti automaticamente e rivisti dalla community con l’obiettivo di consentire all'utente di accedere a tutti gli articoli della Knowledge Base nella propria lingua. Tuttavia, un articolo tradotto automaticamente, anche se rivisto dalla community, non sempre è perfetto. Potrebbe contenere errori di vocabolario, di sintassi o di grammatica. Microsoft declina ogni responsabilità per imprecisioni, errori o danni causati da una traduzione sbagliata o dal relativo utilizzo da parte dei clienti. Microsoft aggiorna frequentemente il software e gli strumenti di traduzione automatica per continuare a migliorare la qualità della traduzione.
Clicca qui per visualizzare la versione originale in inglese dell’articolo: 2678030  (http://support.microsoft.com/kb/2678030/en-us/ )
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.
Condividi
Altre opzioni per il supporto
Forum del supporto di Microsoft Community
Contattaci direttamente
Ricerca di un partner certificato Microsoft
Microsoft Store