DetailPage-MSS-KB

Microsoft Knowledge Base

Identificativo articolo: 307654 - Ultima modifica: martedì 25 marzo 2014 - Revisione: 14.0

In questa pagina

INTRODUZIONE

Si consiglia di utilizzare la Console di ripristino di emergenza solo se non è possibile utilizzare la modalità provvisoria o altre opzioni di avvio. L'utilizzo della Console di ripristino di emergenza è consigliato solo per gli utenti avanzati, in grado di utilizzare i comandi di base richiesti per identificare e individuare driver e file all'origine del problema. Per utilizzare la Console di ripristino di emergenza è inoltre necessario disporre di privilegi di amministratore.

Esistono due modi per avviare la Console di ripristino di emergenza:
  • Se non è possibile avviare Windows e la Console di ripristino di emergenza non è stata installata sul computer, è possibile eseguirla dal CD di istallazione.
    Per informazioni dettagliate, fare clic su "Utilizzo della Console di ripristino di emergenza".
  • In alternativa, è possibile installare la Console di ripristino di emergenza sul computer per poterla utilizzare nel caso in cui non sia possibile riavviare Windows. A questo punto, sarà possibile selezionare l'opzione Console di ripristino di emergenza dall'elenco dei sistemi operativi disponibili all'avvio del sistema.
    Per informazioni dettagliate, fare clic su "Installazione della Console di ripristino di emergenza".


Informazioni

Installazione della Console di ripristino di emergenza

È possibile installare la Console di ripristino di emergenza sul computer per poterla utilizzare nel caso in cui non sia possibile riavviare Windows. Dopo l'installazione, sarà possibile selezionare l'opzione Console di ripristino di emergenza di Windows dall'elenco dei sistemi operativi disponibili visualizzato all'avvio del sistema. L'installazione della Console di ripristino di emergenza è consigliata su server fondamentali e sulle workstation del personale IT. In questo articolo viene descritto come installare la Console di ripristino di emergenza su computer con Windows XP. Per installare la Console di ripristino di emergenza è necessario accedere al computer con privilegi di amministratore.

Anche se la Console di ripristino di emergenza può essere eseguita avviando il sistema direttamente dal CD di Windows XP, è più comodo impostarla come opzione del menu di avvio. Per eseguire la Console di ripristino di emergenza direttamente dal CD, consultare la sezione "Utilizzo della Console di ripristino di emergenza".

Per installare la Console di ripristino di emergenza, attenersi alla seguente procedura:
  1. Inserire il CD di Windows XP nell'unità CD-ROM.
  2. Fare clic sul pulsante Start, quindi scegliere Esegui.
  3. Nella casella Apri digitare d:\i386\winnt32.exe /cmdcons, dove d è la lettera dell'unità CD-ROM. Per Microsoft Windows XP Professional x64 Edition, digitare d:\amd64\winnt32.exe /cmdcons, dove d è la lettera dell'unità CD-ROM.
  4. Verrà visualizzata la finestra di dialogo Installazione di Windows, in cui è descritta l'opzione Console di ripristino di emergenza. Per confermare l'installazione scegliere . La schermata relativa a questo passaggio è elencata in basso.
    Riduci l'immagineEspandi l'immagine
    Schermata per questo passaggio
  5. Riavviare il computer. La prossima volta che si avvierà il computer, nel menu di avvio sarà visualizzata la nuova opzione "Console di ripristino di emergenza di Microsoft Windows". La schermata relativa a questo passaggio è elencata in basso.
    Riduci l'immagineEspandi l'immagine
    Schermata per questo passaggio
In alternativa, è possibile utilizzare un \percorso UNC (Universal Naming Convention) per installare la Console di ripristino di emergenza da una condivisione di rete.

Nota È inoltre possibile che venga visualizzato un messaggio di errore analogo al seguente:
Impossibile continuare l'installazione perché la versione di Windows sul computer in uso è più recente di quella contenuta nel CD.
Se si verifica questo problema, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
898594 Visualizzazione di un messaggio di errore quando si tenta di installare la Console di ripristino di emergenza in un computer basato su Microsoft Windows XP Service Pack 2

Utilizzo della Console di ripristino di emergenza

È possibile attivare e disattivare servizi, formattare unità, leggere e scrivere dati su un'unità locale, comprese le unità formattate per l'utilizzo del file system NTFS ed effettuare molte altre operazioni amministrative. La Console di ripristino di emergenza è molto utile qualora sia necessario ripristinare un computer copiando sul disco rigido un file da un disco o da un CD oppure qualora sia necessario riconfigurare un servizio che impedisce il corretto avvio del computer.

Se non è possibile avviare Windows, è possibile eseguire la Console di ripristino di emergenza dai dischi di avvio di Windows XP o dal CD di Windows XP.

Dopo l'installazione di Windows XP sul computer, avviare il computer e utilizzare la Console di ripristino di emergenza. Sono necessari i dischi di avvio di Windows XP o il CD di Windows XP.

Per ulteriori informazioni sulla creazione di dischi di ripristino per Windows XP che non sono inclusi nel disco di installazione di Windows XP, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
310994 Come procurarsi i dischi di avvio del programma di installazione di Windows XP
Nota Per avviare il computer dal CD di Windows XP è necessario configurare il BIOS del computer per in modo che si avvii dall'unità CD-ROM.

Per eseguire la Console di ripristino di emergenza dai dischi di ripristino o dal CD di Windows XP, attenersi alla seguente procedura:
  1. Inserire il disco di avvio di Windows XP nell'unità disco floppy o inserire il CD di Windows XP nell'unità CD-ROM e riavviare il computer.

    Se viene chiesto, fare clic per selezionare le opzioni necessarie per avviare il computer dall'unità CD-ROM.
  2. Quando viene visualizzata la schermata "Installazione", premere R per avviare la Console di ripristino di emergenza.
  3. Nel caso di un sistema ad avvio multiplo, selezionare l'installazione a cui accedere dalla Console di ripristino di emergenza.
  4. Quando richiesto, digitare la password di amministratore. Se il campo della password di amministratore deve essere lasciato vuoto, premere solo INVIO.
  5. Al prompt dei comandi digitare i comandi appropriati per diagnosticare e ripristinare l'installazione di Windows XP.

    Per un elenco dei comandi disponibili nella Console di ripristino di emergenza, digitare recovery console commands o help al prompt dei comandi, quindi premere INVIO.

    Per informazioni su uno specifico comando, digitare help nomecomando al prompt dei comandi, quindi premere INVIO.
  6. Per uscire dalla Console di ripristino di emergenza e riavviare il computer, digitare exit al prompt dei comandi, quindi premere INVIO

Utilizzo del prompt dei comandi della Console di ripristino di emergenza

Per la Console di ripristino di emergenza viene utilizzato uno speciale prompt dei comandi anziché il consueto prompt dei comandi di Windows. La Console di ripristino di emergenza dispone infatti di un proprio interprete di comandi. Per avviare questo interprete dei comandi, nella Console di ripristino viene chiesto di digitare la password di amministratore locale.

All'avvio della Console di ripristino di emergenza, è possibile premere F6 per installare un driver SCSI o RAID di terzi, nel caso sia necessaria tale unità per accedere al disco rigido. Questo prompt dei comandi funziona normalmente come durante l'installazione del sistema operativo.

L'avvio della Console di ripristino di emergenza richiede alcuni secondi. Completato l'avvio viene visualizzato il menu della console, composto da un elenco numerato delle installazioni di Windows disponibili nel computer, di solito solo C:\Windows. Premere un numero prima di premere INVIO, anche se nel menu è disponibile una sola voce. Se si preme INVIO senza scegliere un numero, il computer viene riavviato e il processo ricomincia. La schermata relativa a questo passaggio è elencata in basso.
Riduci l'immagineEspandi l'immagine
Schermata per questo passaggio

Quando viene visualizzato il prompt %SystemRoot%, solitamente C:\Windows, è possibile iniziare a utilizzare i comandi disponibili per la Console di ripristino di emergenza.

Azioni comando

Riduci l'immagineEspandi l'immagine
Nell'elenco che segue sono descritti i comandi disponibili per la Console di ripristino di emergenza
  • Attrib consente di modificare gli attributi per un file o per una sottodirectory.
  • Batch consente di eseguire i comandi specificati nel file di testo Inputfile. Il parametro Outputfile consente di memorizzare l'output dei comandi in un file. Se si omette il parametro Outputfile, l'output verrà visualizzato sullo schermo.
  • Bootcfg consente di modificare il file Boot.ini per la configurazione di avvio e il ripristino.
  • CD (Chdir) consente di operare solo nelle directory di sistema dell'installazione corrente di Windows, su supporti rimovibili, nella directory principale di ciascuna partizione di disco rigido o in origini di installazione locali.
  • Chkdsk l'opzione /p consente di eseguire Chkdsk anche se l'unità non è contrassegnata come dirty. Con l'opzione /r è possibile individuare i settori danneggiati e recuperare le informazioni leggibili. Questa opzione implica l'utilizzo dell'opzione /p. Chkdsk richiede Autochk. Chkdsk consente di cercare Autochk.exe automaticamente nella cartella di avvio e se non viene rilevato, la ricerca continua nel CD di installazione di Windows XP. Se non viene trovato nemmeno tale CD, verrà chiesto all'utente di specificare il percorso di Autochk.exe.
  • Cls consente di cancellare il contenuto dello schermo.
  • Copy consente di copiare un file in un percorso di destinazione. Per impostazione predefinita, la destinazione non può essere un supporto rimovibile e non è possibile utilizzare caratteri jolly. Quando si copia un file compresso dal CD di installazione di Windows XP, il file viene automaticamente decompresso.
  • Del (Delete) consente di eliminare un file. Agisce all'interno di directory di sistema dell'installazione corrente di Windows, su supporti rimovibili, nella directory principale di ciascuna partizione di disco rigido o in origini di installazione locali. Per impostazione predefinita, non è possibile utilizzare caratteri jolly.
  • Dir consente di visualizzare un elenco di tutti i file, compresi quelli nascosti e i file di sistema.
  • Disable consente di disattivare un servizio o un driver di sistema di Windows. La variabile servizio_o_driver è il nome del servizio o del driver da disattivare. Quando si utilizza questo comando per disattivare un servizio, viene visualizzato il tipo di avvio originale del servizio prima che venga cambiato in SERVICE_DISABLED. Prendere nota del tipo di avvio originale, in modo da poter utilizzare il comando enable per riavviare il servizio.
  • Diskpart consente di gestire partizioni su volumi di disco rigido. L'opzione /add consente la creazione di una nuova partizione. L'opzione /delete consente di eliminare una partizione esistente. La variabile periferica è il nome della periferica per una nuova partizione, ad esempio \periferica\discorigido0. La variabile unità è la lettera di unità di una partizione da eliminare, ad esempio D. La variabile partizione è il nome basato sulla partizione della partizione da eliminare, ad esempio \periferica\discorigido0\partizione1 e può essere utilizzata al posto della variabile unità. La variabile dimensione è la dimensione in megabyte di una nuova partizione.
  • Enable consente di attivare un servizio o un driver di sistema di Windows. La variabile servizio_o_driver è il nome del servizio o del driver da attivare, mentre tipo_avvio è il tipo di avvio per un servizio attivato. Il tipo di avvio utilizza uno dei seguenti formati:
    SERVICE_BOOT_START
    SERVICE_SYSTEM_START
    SERVICE_AUTO_START
    SERVICE_DEMAND_START
  • Exit consente di chiudere la Console di ripristino di emergenza e riavviare il computer.
  • Expand consente di espandere un file compresso. La variabile origine è il file che si desidera espandere. Per impostazione predefinita, non è possibile utilizzare caratteri jolly. La variabile destinazione è la directory per il nuovo file. Per impostazione predefinita, la destinazione non può essere un supporto rimovibile e non può essere di sola lettura. È possibile utilizzare il comando attrib per rimuovere l'attributo di sola lettura dalla directory di destinazione. L'opzione /f:filespec è richiesta se l'origine contiene più di un file. Questa opzione supporta l'utilizzo dei caratteri jolly. L'opzione /y consente di disattivare il prompt di conferma per le operazioni di sovrascrittura. L'opzione /d consente di specificare che i file non saranno espansi e di visualizzare una directory dei file nell'origine.
  • Fixboot consente di scrivere un nuovo settore di avvio nella partizione di sistema.
  • Fixmbr consente di riparare il codice di avvio principale della partizione di avvio. La variabile periferica è un nome facoltativo che consente di specificare la periferica per la quale è necessario un nuovo record di avvio principale. Omettere questa variabile quando la destinazione è la periferica di avvio.
  • Format consente di formattare un disco. L'opzione /q consente di eseguire una formattazione rapida. L'opzione /fs consente di specificare il file system.
  • Help Se non viene utilizzata la variabile comando per specificare un comando, help consente di elencare tutti i comandi supportati dalla Console di ripristino di emergenza.
  • Listsvc consente di visualizzare tutti i servizi e i driver disponibili nel computer.
  • Logon consente di visualizzare le installazioni di Windows rilevate e chiede di specificare la password di amministratore locale per tali installazioni. Utilizzare questo comando per passare a un'altra installazione o sottodirectory.
  • Map consente di visualizzare i mapping delle periferiche correntemente attive. Includere l'opzione arc per specificare l'utilizzo di percorsi ARC (Advanced RISC Computing), ovvero il formato per Boot.ini, anziché di percorsi di periferiche di Windows.
  • MD (Mkdir) agisce solo all'interno di directory di sistema dell'installazione corrente di Windows, su supporti rimovibili, nella directory principale di ciascuna partizione di disco rigido o in origini di installazione locali.
  • More/Type consente di visualizzare sullo schermo il file di testo specificato.
  • Rd (Rmdir) agisce solo all'interno di directory di sistema dell'installazione corrente di Windows, su supporti rimovibili, nella directory principale di ciascuna partizione di disco rigido o in origini di installazione locali.
  • Ren (Rename) agisce solo all'interno di directory di sistema dell'installazione corrente di Windows, su supporti rimovibili, nella directory principale di ciascuna partizione di disco rigido o in origini di installazione locali. Non è possibile specificare una nuova unità o percorso come destinazione.
  • Set consente di visualizzare e impostare le variabili di ambiente della Console di ripristino.
  • Systemroot consente di impostare la directory corrente su %SystemRoot%.
Riduci l'immagineEspandi l'immagine

Regole della Console di ripristino di emergenza

Riduci l'immagineEspandi l'immagine
Quando si utilizza la Console di ripristino di emergenza, vengono applicate diverse regole dell'ambiente. Digitare set per visualizzare l'ambiente corrente. Per impostazione predefinita, queste regole sono:
  • AllowAllPaths = FALSE impedisce l'accesso a directory e sottodirectory al di fuori dell'installazione di sistema selezionata all'apertura della Console di ripristino.
  • AllowRemovableMedia = FALSE impedisce l'accesso a supporti rimovibili quale destinazione per la copia di file.
  • AllowWildCards = FALSE impedisce il supporto dei caratteri jolly per comandi, quali copy e del.
  • NoCopyPrompt = FALSE determina la visualizzazione di un messaggio di conferma da parte della Console di ripristino a fronte di qualsiasi operazione di sovrascrittura di un file esistente.
Riduci l'immagineEspandi l'immagine

Come eliminare la Console di ripristino di emergenza

Riduci l'immagineEspandi l'immagine
Per eliminare la Console di ripristino di emergenza:
  1. Riavviare il computer, fare clic sul pulsante Start, scegliere Risorse del computer, quindi fare doppio clic sul disco rigido in cui è installata la Console di ripristino di emergenza.
  2. Scegliere Opzioni cartella dal menu Strumenti, quindi fare clic sulla scheda Visualizzazione.
  3. Fare clic su Visualizza cartelle e file nascosti, deselezionare la casella di controllo Nascondi i file protetti di sistema e scegliere OK.
  4. Nella cartella principale eliminare la cartella Cmdcons e il file Cmldr.
  5. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul file Boot.ini nella cartella principale, quindi scegliere Proprietà.
  6. Deselezionare la casella di controllo Sola lettura, quindi scegliere OK.

    Avviso: se si modifica il file Boot.ini in modo errato, potrebbe essere compromesso l'avvio del computer. Prestare attenzione a eliminare soltanto la voce relativa alla Console di ripristino di emergenza. Reimpostare inoltre l'attributo di sola lettura per il file Boot.ini dopo avere completato questa procedura. Aprire il file Boot.ini nel Blocco note e rimuovere la voce relativa alla Console di ripristino di emergenza analoga alla seguente:
    C:\cmdcons\bootsect.dat="Microsoft Windows Recovery Console" /cmdcons
  7. Salvare il file e chiuderlo.
Riduci l'immagineEspandi l'immagine

Installazione della Console di ripristino di emergenza nel corso di un'installazione automatica

Riduci l'immagineEspandi l'immagine
Per installare la Console di ripristino di emergenza durante l'installazione automatica di Windows, utilizzare la sezione [GuiRunOnce] del file unattend.txt.
Command1="percorso\winnt32 /cmdcons /unattend"
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo del file Unattend.txt, vedere la Deployment Planning Guide del Resource Kit di Windows 2000 Server.
Riduci l'immagineEspandi l'immagine

Riferimenti

È possibile utilizzare i Criteri di gruppo per modificare le regole e aumentare il controllo disponibile nella Console di ripristino di emergenza.

Per ulteriori informazioni su questa operazione, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
310497 Utilizzare i Criteri di gruppo per aggiungere ulteriori potenzialità alla Console di ripristino di emergenza

Per ulteriori informazioni sulla Console di ripristino di emergenza di Windows XP, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
314058 Descrizione della Console di ripristino di emergenza di Windows XP per utenti esperti

Le informazioni in questo articolo si applicano a:
  • Microsoft Windows XP Professional
  • Microsoft Windows XP Home Edition
Chiavi: 
kbhowto kbcip KB307654
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.
Condividi
Altre opzioni per il supporto
Forum del supporto di Microsoft Community
Contattaci direttamente
Ricerca di un partner certificato Microsoft
Microsoft Store