DetailPage-MSS-KB

Microsoft Knowledge Base

Identificativo articolo: 314343 - Ultima modifica: sabato 1 dicembre 2007 - Revisione: 3.1

In questa pagina

Sommario

In Microsoft Windows XP sono disponibili due modalità di archiviazione su disco: l'archiviazione su dischi di base e su dischi dinamici.

Archiviazione su dischi di base

L'archiviazione su dischi di base utilizza le comuni tabelle di partizioni supportate da MS-DOS, Microsoft Windows 95, Microsoft Windows 98, Microsoft Windows Millennium Edition (ME), Microsoft Windows NT, Microsoft Windows 2000 e Windows XP. Un disco inizializzato per l'archiviazione di base è detto disco di base. Un disco di base contiene volumi di base ovvero partizioni primarie, partizioni estese e unità logiche.

I volumi di base possono comprendere volumi multidisco creati utilizzando Windows NT 4.0 o versione precedente, quali insiemi di volumi, di stripe, di mirror e insiemi di stripe con parità. Questi volumi di base multidisco non sono supportati in Windows XP. Prima di installare Windows XP Professional, è necessario eseguire il backup di qualsiasi insieme di volumi, di stripe, di mirror o di stripe con parità, per poi eliminarlo o convertirlo in dischi dinamici.

Archiviazione su dischi dinamici

L'archiviazione su dischi dinamici è supportata in Windows 2000 e in Windows XP Professional. Un disco inizializzato per l'archiviazione dinamica è detto disco dinamico. Un disco dinamico contiene volumi dinamici, quali volumi semplici, con spanning, con striping, con mirroring e volumi RAID-5.

NOTA: i dischi dinamici non sono supportati in computer portatili né in Microsoft Windows XP Home Edition.

Non è possibile creare volumi con mirroring o RAID-5 in computer che eseguono Windows XP Home Edition, Windows XP Professional o Windows XP 64-Bit Edition. È invece possibile utilizzare un computer basato su Windows XP Professional per creare volumi con mirroring o RAID-5 in computer remoti in cui è in esecuzione Microsoft Windows 2000 Server, Windows 2000 Advanced Server o Windows 2000 Datacenter Server. Per effettuare questa operazione è necessario disporre dei privilegi di amministratore per il computer remoto.

I tipi di archiviazione sono indipendenti dal tipo di file system utilizzato. Un disco di base o dinamico può contenere qualsiasi combinazione di partizioni o volumi FAT16, FAT32 o NTFS.

Un disco di sistema può contenere qualsiasi combinazione di tipi di archiviazione. Tuttavia, in tutti i volumi di uno stesso disco deve essere utilizzato lo stesso tipo di archiviazione.

Conversione di un disco di base in disco dinamico

Utilizzare lo snap-in Gestione disco in Windows XP per convertire un disco di base in disco dinamico. Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:
  1. Accedere utilizzando l'account Administrator oppure come membro del gruppo Administrators.
  2. Fare clic sul pulsante Start e scegliere Pannello di controllo.
  3. Fare clic su Prestazioni e manutenzione, scegliere Strumenti di amministrazione, quindi fare doppio clic su Gestione computer.
  4. Nel riquadro sinistro fare clic su Gestione disco.
  5. Nel riquadro inferiore destro fare clic con il pulsante destro del mouse sul disco di base da convertire, quindi scegliere Converti in disco dinamico.

    NOTA: è necessario fare clic con il pulsante destro del mouse sull'area grigia che contiene il titolo del disco sul lato sinistro del riquadro dei dettagli. Ad esempio, fare clic con il pulsante destro del mouse su Disk 0.
  6. Selezionare la casella di controllo accanto al disco che si desidera convertire, se non ancora selezionata, quindi scegliere OK.
  7. Scegliere Dettagli per visualizzare l'elenco dei volumi del disco.
  8. Scegliere Converti.
  9. Scegliere per confermare la conversione del disco, quindi scegliere OK.
AVVISO: dopo aver eseguito la conversione a disco dinamico, l'accesso locale al disco dinamico sarà limitato a Windows XP Professional e Windows 2000. Inoltre, dopo avere eseguito la conversione a disco dinamico, i volumi dinamici non potranno essere nuovamente convertiti in partizioni. Sarà infatti necessario eliminare tutti i volumi dinamici sul disco prima di poter convertire il disco dinamico in un disco di base. Per conservare i dati, è necessario innanzitutto eseguire il backup oppure trasferire i dati su un altro volume.

Informazioni

Termini essenziali dell'archiviazione dinamica:
  • Un volume è un'unità di archiviazione realizzata nello spazio libero di uno o più dischi. Può essere formattato con un file system e gli può essere assegnata una lettera di unità. I volumi contenuti nei dischi dinamici possono avere una delle seguenti configurazioni: semplice, con spanning, con mirroring, con striping o RAID-5.
  • Un volume semplice utilizza lo spazio libero di un unico disco. Può essere un'area singola di un disco oppure un insieme di più aree concatenate. Un volume semplice può essere esteso all'interno dello stesso disco o su dischi aggiuntivi. Se un volume semplice viene esteso su più dischi, diventa un volume con spanning.
  • Un volume con spanning è ottenuto dall'unione dello spazio libero disponibile su più dischi. Un volume con spanning può essere esteso a un massimo di 32 dischi. Un volume con spanning non è a tolleranza d'errore né può essere sottoposto a mirroring.
  • Un volume con striping è un volume i cui dati sono alternati tra due o più dischi fisici. I dati contenuti in questo tipo di volumi sono allocati alternativamente e uniformemente in ognuno dei dischi fisici. Un volume con striping non è a tolleranza d'errore, non può essere esteso, né sottoposto a mirroring. Lo striping è anche denominato RAID-0.
  • Un volume con mirroring è un volume a tolleranza d'errore i cui dati sono duplicati su due dischi fisici diversi. Tutti i dati di un volume sono copiati su un altro disco per garantire la ridondanza dei dati. Se si verifica un errore in uno dei dischi, sarà comunque possibile accedere ai dati copiati sull'altro disco. Un volume con mirroring non può essere esteso. Il mirroring è anche denominato RAID-1.
  • Un volume RAID-5 è un volume a tolleranza d'errore su cui lo stripe dei dati è realizzato su una serie di tre o più dischi. Anche la parità, che consiste in un valore di calcolo utilizzabile per ricostruire i dati in caso di errore, viene sottoposta a stripe sull'insieme di dischi. Se si verifica un errore su un disco fisico, la porzione del volume RAID-5 che era contenuta nel disco non funzionante può essere ricreata dai dati e dalla parità residui. Un volume RAID-5 non può essere sottoposto a mirroring o essere esteso.
  • Il volume di sistema contiene i file specifici dell'hardware necessari per caricare Windows, ad esempio Ntldr, Boot.ini e Ntdetect.com. Il volume di sistema può coincidere, ma non necessariamente, con il volume di avvio.
  • Il volume di avvio contiene i file del sistema operativo Windows che si trovano nelle cartelle %Systemroot% e %Systemroot%\System32. Il volume di avvio può coincidere, ma non necessariamente, con il volume di sistema.
Per ulteriori informazioni sulla conversione di dischi di base e dinamici, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
309044  (http://support.microsoft.com/kb/309044/ ) HOW TO: Convertire dischi di base e dinamici in Windows XP Professional
Per ulteriori informazioni sulla configurazione di dischi di base, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
309000  (http://support.microsoft.com/kb/309000/ ) HOW TO: Utilizzo di Gestione disco per configurare dischi di base in Windows XP
Per ulteriori informazioni sulla configurazione di dischi dinamici, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
308424  (http://support.microsoft.com/kb/308424/ ) HOW TO: Utilizzare Gestione disco per la configurazione di dischi dinamici in Windows XP
Per ulteriori informazioni su come creare un volume con mirroring, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
307880  (http://support.microsoft.com/kb/307880/ ) Creazione di un volume con mirroring su un computer remoto basato su Windows 2000 Server da un computer basato su Windows XP Professional
Per ulteriori informazioni su come creare un volume RAID-5, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
309043  (http://support.microsoft.com/kb/309043/ ) HOW TO: Creare un volume RAID-5

Le informazioni in questo articolo si applicano a
  • Microsoft Windows XP Professional x64 Edition
  • Microsoft Windows XP Professional
Chiavi: 
kbinfo kbenv kbsetup KB314343
LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELLA MICROSOFT KNOWLEDGE BASE SONO FORNITE SENZA GARANZIA DI ALCUN TIPO, IMPLICITA OD ESPLICITA, COMPRESA QUELLA RIGUARDO ALLA COMMERCIALIZZAZIONE E/O COMPATIBILITA' IN IMPIEGHI PARTICOLARI. L'UTENTE SI ASSUME L'INTERA RESPONSABILITA' PER L'UTILIZZO DI QUESTE INFORMAZIONI. IN NESSUN CASO MICROSOFT CORPORATION E I SUOI FORNITORI SI RENDONO RESPONSABILI PER DANNI DIRETTI, INDIRETTI O ACCIDENTALI CHE POSSANO PROVOCARE PERDITA DI DENARO O DI DATI, ANCHE SE MICROSOFT O I SUOI FORNITORI FOSSERO STATI AVVISATI. IL DOCUMENTO PUO' ESSERE COPIATO E DISTRIBUITO ALLE SEGUENTI CONDIZIONI: 1) IL TESTO DEVE ESSERE COPIATO INTEGRALMENTE E TUTTE LE PAGINE DEVONO ESSERE INCLUSE. 2) I PROGRAMMI SE PRESENTI, DEVONO ESSERE COPIATI SENZA MODIFICHE, 3) IL DOCUMENTO DEVE ESSERE DISTRIBUITO INTERAMENTE IN OGNI SUA PARTE. 4) IL DOCUMENTO NON PUO' ESSERE DISTRIBUITO A SCOPO DI LUCRO.
Condividi
Altre opzioni per il supporto
Forum del supporto di Microsoft Community
Contattaci direttamente
Ricerca di un partner certificato Microsoft
Microsoft Store